Siete in: Punti di interesse

Il Naviglio Martesana

Questo canale artificiale, che nasce all’altezza di Trezzo sull’Adda e sfocia a Milano, fu progettato intorno alla metà del Quattrocento da Bertola da Novate, ingegnere alla corte milanese al servizio del duca Francesco Sforza e, in seguito, di Gian Galeazzo e di Ludovico il Moro. La funzione principale di questo canale era quella di fungere da via di trasporto per merci e persone, nonché come canale per attingere acqua per irrigare i campi.

La realizzazione del Martesana venne portata a termine dall’ingegnere ducale Bartolomeo della Valle nel 1496, quando il canale fu congiunto alla fossa interna di Milano. Congiungendosi ai navigli milanesi, il trasporto via acqua era diventato possibile dall’Adda al Ticino.

L’opera venne completata successivamente con un sistema di conche per rendere possibile la navigazione lungo tutto il percorso. Spesso si è erroneamente indicato Leonardo da Vinci come artefice, o comunque come soprintendente ai lavori per la costruzione del naviglio Martesana. Ai tempi del soggiorno lombardo dell’artista (dal 1482 al 1499 e dal 1506 circa al 1513) il Martesana era già completato e funzionante, pertanto il contributo leonardesco a quest’opera si deve rintracciare in alcuni studi per il miglioramento del funzionamento del sistema delle conche.