Siete in: Personaggi celebri

Personaggi celebri a Vaprio d'Adda

 

1400. Gli ZENONI da Vaprio famiglia di pittori nel periodo tardogotico: Giovanni, Costantino, Giacomo, Agostino, Alessandro, Battista, Francesco.

GIOVANNI da VAPRIO (EL FRA' DE VAPRIO)
affresca le pareti del cortile interno del palazzo Borromeo a Milano con un ciclo di affreschi "Giochi Borromeo";
forse autore anche della pala della CAPPELLA PORTINARI a Milano;
1430/1447 dai libri di spesa della Fabbrica del Duomo di Milano risulta che fu x 20 anni il pittore più attivo nel cantiere (Maestà da inviare a Varese, Maestà da inviare a Bellinzona, baldacchino posto sopra altare maggiore, 91 targhe d'oro e d'argento poste sul baldacchino della cassa funebre del duca Filippo Maria Visconti , tavole lignee con angeli e santi.....)

AGOSTINO da VAPRIO
autore di un ciclo di affreschi che si trovano nella Rocca di Angera;
4 APRILE 1498 Trittico d'altare con raffigurata la Madonna con Bambino, tra il beato Filippo Bertone che presenta alla Vergine il donatore, e S.Giovanni Battista, l'opera si trovava nella chiesa di S.Primo e Feliciano a Pavia;
Leonardo Da Vinci conobbe Agostino perchè nelle sue memorie riporta l'ammonimento fatto al Salai (Gian Giacomo Caprotti) per avergli rubato e venduto la pelle turchessa regalatagli da Agostino da Vaprio.

BATTISTA DA VAPRIO
27 marzo 1503 con MARCO D'OGGIONO riceve l'incarico di realizzare un polittico per la chiesa di S. Giovanni di ANDORA.

1507- 1513. LEONARDO DA VINCI nel ventennale periodo milanese ( 1482- 1513 ) Leonardo trascorse più periodi a Vaprio ospite del Consigliere Ducale degli Sforza, GEROLAMO MELZI, padre di Francesco Melzi, il suo allievo prediletto.
A Vaprio il Genio compì i suoi studi di idraulica,di ingegneria, studiò i moti delle acque,lasciò parecchi schizzi di paesaggi della zona ( vedi pagina riservata a Leonardo).

1491-1570. FRANCESCO MELZI
Allievo prediletto di Leonardo da Vinci, lo accompagnò nel suo viaggio a Roma nel 1513 e poi in Francia
nel 1517; gli rimase accanto fino alla morte del maestro il 2 maggio 1519.
Ereditò tutti i suoi manoscritti artistici e scientifici, li trasferì nella villa di Vaprio d'Adda e li conservò fedelmente fino alla sua morte.

1573-1626. IL MORAZZONE (PIER FILIPPO MAZZUCCHELLI) pittore varesino della Controriforma, lavorò a Vaprio nella villa del cardinal Monti (vicino al Belvedere).
I suoi affreschi su storie della Bibbia furono staccati dalla villa in rovina e si trovano a MILANO a Palazzo ISIMBARDI, sede della Provincia, nella sala dedicata a Vaprio d'Adda.
 

1719. GASPAR VAN WITTEL (VANVITELLI) vedutista olandese, rappresenta Vaprio in 7 vedute che si trovano nei maggiori musei del mondo.

1744. BERNARDO BELLOTTO (pittore nipote del Canaletto) vedutista.
Dipinge su commissione del conte Simonetta quattro celebri vedute di Vaprio, una delle quali si trova al Metropolitan Museum di New York .

1763. L'imperatrice MARIA TERESA D'AUSTRIA sceglie Vaprio (in particolare Villa Castelbarco) come residenza di caccia di Francesco III d'Este, governatore della Lombardia.

1774. Il conte PAOLO MONTI MELZI fonda il primo impianto della cartiera tipografica che nell'ottocento diventerà MAGLIA & PIGNA poi dal 1868 farà parte del gruppo BINDA.

1787-1851. Ing. FELICE PIZZAGALLI inventò un metodo per costruire cupole senza armatura. Progettò la chiesa di Boltiere, a Milano la chiesa di S Carlo al Corso, sistemò la cupola di S.Satiro, il battistero neogotico di S.Maria al Carmine.
Costruì la bellissima villa sulla costa dell'Adda

1783-1816. FRANCESCO MELZI d'ERIL rappresentante della Repubblica Cisalpina.
1802 Vicepresidente della Repubblica Italiana.

1818. Il sindaco CESARE CASTELBARCO provvede alla costruzione di un ponte in legno sull'Adda, sostituendo il traghetto che funzionò per 4 secoli.

1839. Il conte GIUSEPPE ARCHINTO fa costruire sul suo terreno il cotonificio SIOLI - DELL'ACQUA. Ne parla persino l'economista CARLO CATTANEO nel suo scritto del 1845 "Industria e morale "
Nel 1855 la tessitura viene rilevata dallo stesso conte diventerà STABILIMENTO NAZIONALE ARCHINTO. Nel 1865 passerà ai VISCONTI di MODRONE.

1835-1895. NATALE RIVA pittore allievo di Francesco Hayez . Suoi gli affreschi nella chiesa parrocchiale di Vaprio e quelli nell'abside della Chiesa di Concesa, su cartoni firmati dal suo maestro Hayez..
Altri lavori sono collocati nella chiesa di Pozzo d'Adda,di Filafo, nella cappella del cimitero di Fara.
Morì mentre affrescava "il sacrificio di Isacco" nella cappella laterale della Chiesa di Vaprio.

1884-1973. ALBERTO PIROVANO professore vapriese, ricercatore autodidatta giunto a fama internazionale per le sue ricerche nel campo della genetica vegetale, il cui nome é legato alla bellissima uva “Italia”, che può considerarsi il suo capolavoro e che ancora oggi costituisce la varietà più diffusa e apprezzata in tutto il mondo.

1904-1978. GOFFREDO ALESSANDRINI regista, abitò a Vaprio nella villa Pizzagalli-Alessandrini. Nel 1935 sposò Anna Magnani.

1914. ALBERTO LATTUADA regista, abitò in diversi momenti a Vaprio. Fu l'ideatore insieme a MARIO FERRARI e a LUIGI COMENCINI della CINETECA ITALIANA.
A Vaprio dal 1940 al 1945 fu nascosto l'intero archivio di films, circa 500 pellicole , poi recuperati al termine della guerra.


a cura di Maria Rosa Concari