Siete in: Itinerari

A 10 anni dall'alluvione: mostra rievocativa

"26/11/2002 - 26/11-2012 a dieci anni dall'alluvione"

Mostra rievocativa

Inaugurazione: sabato 1° dicembre 2012 alle ore 10.00

scarica la locandina

Orari di apertura mostra:

  • sabato 1/12 ore 10.00-12.00 / 14.00-18.00
  • domenica 2/12 ore 9.00-12.00 / 14.00-18.00

A dieci anni dall’alluvione
“dal dramma alla sicurezza”

 
Era il 26 novembre del 2002, alle 10,45 del mattino, quando, dopo continue piogge di giorni, l’Adda letteralmente sfondò per un fronte di 50 metri l’argine destro a monte della diga di S.Anna, creando un corso d’acqua parallelo al fiume e riversando un’enorme quantità d’acqua di oltre 1.100 metri cubi al secondo su case e aziende in fondo a via Visconti, che furono abbandonate precipitosamente.

Uno spettacolo apocalittico: acqua dappertutto, centinaia di capi di bestiame evacuati, persone prelevate dai tetti con l’elicottero. Una tragedia per fortuna sfiorata (se solo fosse successo di notte…), ma danni materiali ingenti e un trauma psicologico insuperabile, la consapevolezza di non sentirsi più al sicuro.

Passata l’emergenza, l’acqua si è ritirata, le persone sono ritornate nelle loro case, le aziende hanno ripreso l’attività. Si sono accertate le responsabilità (una sentenza ha stabilito che la mancata tempestiva rimozione dei palconcelli della diga aveva provocato il rimbalzo sull’argine dell’onda d’urto), si è dato corso agli indennizzi, ma il rischio e la paura restavano.

Il motto dell’ Associazione alluvionati diga di Vaprio era da brividi: ”Non dimenticheremo mai, non perdoneremo mai”.

Bisognava ricostruire tutto, a partire dalla falla, ma soprattutto bisognava ripensare in fretta, perché il fiume non aspetta, tutto il sistema di sicurezza e l’equilibrio idrogeologico dell’ambiente più suggestivo del paese.

Servivano aiuti economici e risorse tecnologiche, ma soprattutto coraggio, determinazione e grande impegno dell’Amministrazione comunale.

A distanza di dieci anni questa mostra intende raccontare per immagini tutto il lavoro fatto con una serie di interventi straordinari, complessi, costosi (quasi 10 milioni) sotto riportati. Oggi finalmente ci sono le condizioni per considerare migliorato il territorio e chiusa una pagina buia della storia della nostra comunità, che torna a vivere con serenità.

E’ un risultato di cui essere orgogliosi in un paese, l’Italia, che continua a finire sottacqua per incapacità di prevenire i disastri atmosferici.

 
Il Sindaco
Roberto Orlandi

 
 
La ricostruzione

2003-2006 Recupero del bacino area diga (strade, sentieri, casette)                 500.000 €
2006-2008 Ricostruzione di argini e sponde                                                       900.000 €
2007-2009 Automazione della diga                                                                  1.500.000 €
2008-2011 Chiusura del depuratore comunale e nuovo collettore fognario     1.500.000 €
2009-2012 Ristrutturazione alzaia sud                                                             3.000.000 €
2007-2011 Restauro Casa del custode delle acque                                         2.100.000 €

Il contributo economico

Comune di Vaprio d’Adda                                                                                                     20 %
Enti pubblici regionali (Regione, Aipo, Consorzio Villoresi, Scarl Navigli)                            35 %
Enti pubblici sovracomunali (Idra patrimonio, Parco)                                                           15 %
Enti privati (Adda Energy, Linificio, Corriere/TG5, Fondazione Cariplo, Velvis, Italgen)      30 %
 
 
Un sentito ringraziamento ai molti che ci hanno aiutato